BiOPLAS PRO

Un progetto Horizon 2020

The Project BIOPLAS-PRO has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 807215.

Il nostro progetto

Sulla base dei feedback degli utenti finali e del crescente focus sui prodotti “verdi”, spinti dalla consapevolezza dei consumatori per quanto riguarda il danno che il loro consumo può causare al pianeta, abbiamo concepito BIOPLAS PRO:

attraverso nuove formulazioni di biopolimeri ed un esclusivo processo di estrusione ottimizzato per la produzione di bioplastiche, stiamo sviluppando PRODOTTI BIOPLASTICI al 100% ecologici, riciclabili e con comportamenti e prestazioni simili ai prodotti sintetici ma con prestazioni superiori alle soluzioni naturali esistenti.

Il suo impatto

Destinato ai prodotti compositi in ambito civile e all’industria dei compositi avanzati, i prodotti BIOPLAS-PRO consentiranno di rafforzare la nostra posizione di mercato e il valore del marchio in quanto affrontano la domanda dei consumatori per la sostenibilità. Il nostro piano industriale indica che verranno prodotti e venduti 13 kton di prodotti dal 2020-2024, generando 30 milioni di euro di ricavi creando almeno 20 posizioni lavorative a tempo pieno nella nostra azienda, riducendo allo stesso tempo i rifiuti di plastica e le emissioni di CO2 di 10 kton e 32 kton rispettivamente.

Industria civile e dei materiali compositi avanzati: il problema di plastica

Dalle tubazioni, l’isolamento, le stuoie per il drenaggio del suolo, la stabilizzazione del suolo, il controllo dell’acqua e dell’umidità negli edifici, ai prodotti compositi per automobili, aerei, navi e sport, la plastica ha plasmato la società in molti modi rendendo la vita più facile e più sicura. Tuttavia, il materiale sintetico ha anche un grave effetto sull’ambiente:

Esaurimento delle risorse petrolifere: richiede mediamente 1-2 kg di petrolio (materia prima) per produrre 1 kg di plastica. Al tasso di consumo attuale, si stima che le riserve petrolifere globali si esauriranno entro 50 anni. (BP Revisione statistica dell’energia mondiale giugno 2016, British Petroleum (BP), 2016)

Emissioni di gas a effetto serra: le emissioni medie di CO2 dalla fase di produzione delle materie plastiche a quella della gestione dei loro rifiuti è significativa, stimata a 3,4 kg di CO2 per chilogrammo di plastica prodotta. (L’impatto della plastica sul consumo energetico del ciclo di vita e sulle emissioni di gas a effetto serra in Europa, denkstatt GmbH, 2010)

Enorme spreco di risorse naturali: il riutilizzo limitato e la riciclabilità della plastica portano a grandi quantità di rifiuti post-consumo. Nel 2008, solo i settori civile e automobilistico hanno generato 2,6 milioni di rifiuti di plastica, di cui solo il 12% è stato riciclato (Plastic Waste in the Environment, European Commission DGENV, April 2011). Il 64% dei rifiuti è stato smaltito in discarica e il 24% è stato utilizzato per il recupero di energia, quindi sprecando l’88% della materia prima iniziale (petrolio).

L’aumento della consapevolezza ambientale, la costante diminuzione delle riserve petrolifere, le legislazioni UE più severe – come la direttiva quadro sui rifiuti (2008/98 / CE Direttiva quadro rifiuti – regolamenti e obiettivi 2020 sulla prevenzione dei rifiuti, il riutilizzo, il riciclaggio e altre forme di recupero), la Direttiva sulle discariche (1999/31 / CE Obiettivo intermedio e a lungo termine per la riduzione graduale dei rifiuti biodegradabili in discarica) ed i regolamenti sui veicoli a fine vita (ELV), STANNO PORTANDO LE AZIENDE DI TUTTO IL MONDO AD USARE ALTERNATIVE ECO-FRIENDLY ALLA PLASTICA SINTETICA.

L’alternativa bioplastica: sfida e opportunità

Negli ultimi decenni, industriali e ricercatori hanno cercato delle alternative all’uso predominante della plastica convenzionale ed all’uso limitato ed alle scarse prestazioni delle soluzioni naturali (ad esempio cocco, paglia, sisal, juta).
Una considerevole numero di ricerche e di lavori sono stati condotti sulle BIOPLASTICHE, materiali sviluppati incorporando interamente o parzialmente risorse derivanti da biomasse rinnovabili, come ad es. olio e fibre naturali derivati da piante.
Indubbiamente la bioplastiche presentano evidenti vantaggi: hanno infatti struttura e proprietà simili alle plastiche, pur essendo al 100% ecocompatibili e con opzioni aggiuntive di fine vita (riciclaggio e degradabilità). Inoltre, rispetto alle soluzioni naturali, le bioplastiche hanno prestazioni migliori in quanto sono più leggere del 500% e hanno un controllo del tempo di biodegradazione migliore del 300%.

Tuttavia, nonostante i numerosi vantaggi ambientali, il mercato delle bioplastiche rappresenta solo lo 0,1-0,2% del mercato europeo delle materie plastiche, con la maggior parte delle sue applicazioni limitate alle confezioni ed ai sacchetti per la raccolta dei rifiuti (86%).

Il motivo è semplice: anche se i consumatori chiedono prodotti eco-compatibili e gli industriali sono ora pronti a integrarli nelle loro attività commerciali, fornire prodotti bioplastici innovativi a costi ragionevoli pur mantenendo alte le prestazioni, rimane la sfida principale..

La nostra soluzione: BIOPLAS-PRO, progetto per prodotti bioplastici ad alte prestazioni

La SINECO INTERNATIONAL sta affrontando questa opportunità di mercato con BIOPLAS-PRO, una tecnologia che combina formulazioni chimiche uniche composte da un mix di biopolimeri e polimeri sintetici con un processo innovativo sviluppato internamente all’azienda, che porta alla realizzazione della versione bioplastica dei prodotti sintetici attualmente esistenti.

Abbiamo fissato i seguenti obiettivi specifici del progetto per portare la nostra innovazione, che attualmente è già al grado TRL6 (Livello di Maturità Tecnologica dimostrato a livello industriale), al massimo livello TRL9 (Livello di Maturità Industriale in ambiente Operativo):

Obiettivi Tecnici

  • Ottimizzazione e qualificazione (TRL9) dei prodotti BIO-MAT, BIO-DRAIN e BIO-CORE.
  • Up-scaling di BIOPLAS-PRO, passando dall’attuale processo unico mediante estrusione e stampaggio dei multifilamenti per mezzo dell’impianto pilota (TRL6) a quello industriale con capacità di produzione di 15 Mm2 / anno (TRL9).
  • Integrazione di BIO-MAT / BIO-DRAIN / BIO-CORE nella gamma di prodotti SINECO.

Obiettivi Commerciali

  • Introduzione sul mercato nel 2020: stimiamo di vendere 13 kton di prodotti nei primi 5 anni, che ridurranno i rifiuti di plastica di 10 kton6 e ridurranno le emissioni di CO2 di 32 kton7.
  • + € 30 milioni di ricavi nel quinto anno di sfruttamento (con un ROI di 5,28).
  • Diffusione internazionale dei risultati del progetto BIOPLAS-PRO tra i clienti esistenti e quelli potenziali per mezzo della nostra rete locale e internazionale per consentire una alta penetrazione sui mercati dei nuovi prodotti.